“A pala e piccone” il nuovo libro di Vincenzo Scalfari

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Puoi innamorarti dell’archeologia?


Sì, se incontri un Maestro, di quelli che non smetteresti mai di ascoltare, e lo segui ciecamente di scavo in scavo, sotto il sole rovente, a pala e piccone, senza mai soldi o quasi; e la sera sono birre su birre, fiumi di discorsi in un miscuglio di lingue, fino a non poterne più. Mentre lei fugge con il primo irlandese che passa, proprio quando torna a scavare a Tiermes, dove era nato il vostro amore, in un deserto di avvoltoi.


E tu la insegui in Spagna, oppure insegui il tuo desiderio di sentirti ovunque straniero con la scusa di inseguire lei. Intanto ti tocca non avere più vent’anni, e la stanzetta nell’appartamento condiviso diventa pesante come il pensiero di scavare e scavare in un cimitero infinito, piccola tomba anche tu. Allora smetti di
accanirti sui morti e vai a cercare pace tra i vivi, per sempre rimpiangendo i vent’anni che non avrai mai più.

Un romanzo molto comico, molto tragico: come la vita di un sognatore.

“Molti sono al mondo i cretini, ma mai nessun cretino sarà più cretino di un innamorato”.

Autore: VINCENZO SCALFARI , nato a Vibo Valentia nel 1979, vive a Modena dove insegna lettere in un liceo.

IN LIBRERIA DAL 7 GIUGNO 2023

Casa editrice: Marcos y Marcos
176 pp. € 17,00
9788892941328

LEGGI ANCHE

Amnesty International Rapporto 2023-2024

Il 28 maggio 1961 il quotidiano inglese The Observer pubblica la lettera aperta, firmata dall’avvocato londinese Peter Benenson intitolata “The Forgotten Prisoners” (I prigionieri dimenticati) che inizia