Al via in Biblioteca il progetto “BookAdvisor – libri e letture ad alta qualità letteraria”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

In questi giorni presso la Biblioteca comunale di Palazzo Frattini si sta svolgendo il progetto “BOOKADVISOR – LIBRI E LETTURE AD ALTA QUALITÀ LETTERARIA” indirizzato alle classi della scuola secondaria di secondo grado.

Il progetto, affidato alla cooperativa Equilibri di Modena, vede la partecipazione di 9 classi prime dell’Istituto comprensivo Russell di Guastalla che si alterneranno in biblioteca fino a giovedì.

Perché il progetto BOOKADVISOR?

Quasi trent’anni fa l’editoria italiana per ragazze e ragazzi voltava pagina e si apriva alle suggestioni della grande letteratura internazionale. Da allora abbiamo assistito a un’invasione incalzante e un po’ disordinata di nuove proposte.

Davanti a questo incalzare e al proliferare indistinto di titoli sempre nuovi sugli scaffali di biblioteche e librerie, appare necessario soffermarsi a leggere e scegliere con cura, per annotare e suggerire libri e personaggi destinati a distinguersi e a lasciare traccia di sé nelle lettrici e nei lettori, nutrendo il loro immaginario e le loro personalità. Con queste finalità nasce BookAdvisor, percorso ad alta qualità letteraria che propone un repertorio di libri e di buone letture destinate a durare nel tempo, sfuggendo a mode dalla durata effimera, e capaci al contempo di rinnovarsi grazie alla scoperta ininterrotta di nuovi libri e personaggi capaci di affascinare chi legge.

L’attività prende il via da una proposta bibliografica che raccoglie i titoli più significativi.

L’attività si articola in un incontro dedicato alla presentazione di alcuni dei libri del percorso, anche attraverso la lettura di brani significativi, capaci di coinvolgere emotivamente lettori e lettrici, di avviare discussioni e, soprattutto, di stimolare verso la lettura individuale. Sono previsti, inoltre, momenti di approfondimento sui servizi offerti dalla biblioteca, per farla conoscere a ragazze e ragazzi in tutte le sue funzioni e possibilità.

La Cooperativa Equiibri

La storia di Equilibri parla di promozione e di educazione alla lettura, di attività di formazione per docenti e educatori, e di un parallelo lavoro editoriale.

“Lavoriamo per fare leggere in biblioteca, a scuola, in libreria, progettando e proponendo letture e narrazioni, presentazioni di libri e percorsi di lettura, laboratori, giochi di lettura, eventi, mostre e attività di formazione.

Lo facciamo a partire dalle lettrici e dai lettori, interrogandoci sul modo in cui ogni libro possa aiutare chi cresce a crescere ancora e meglio, a porsi domande, a cercare risposte.

Lavoriamo con le bambine e i bambini, con le ragazze e i ragazzi, perché possano scoprire e acquisire quel piacere per i libri e la lettura che genera prima rivelazione, poi confidenza e infine competenza e abitudine, così che la lettura possa diventare per loro una consapevole necessità”.

Tappe essenziali di questo percorso di formazione sono l’affermazione di alcuni principi: la molteplicità delle letture, finalizzata alla ricerca del “libro giusto” e assicurata dal riferimento costante alla biblioteca, pubblica o scolastica, di cui si promuove la conoscenza e la dimestichezza dell’esperienza; l’accessibilità di tutte e tutti alla lettura, da garantire attraverso una proposta di libri misurata su differenti abilità di lettura, bisogni educativi speciali, provenienze linguistiche diverse, esigenze molteplici; la condivisione dell’esperienza della lettura tra i giovani lettori e le giovani lettrici, attraverso lo sviluppo delle capacità di analisi personale e quelle di discussione e di dialogo tra compagni e compagne.

LEGGI ANCHE

Hikikomori, uno sguardo dal buio

Hikikomori è un termine giapponese traducibile con “stare in disparte”. È un fenomeno che comincia a manifestarsi alla metà degli anni ottanta e si afferma