Cult: Una nuova realtà a Reggio Emilia

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

É nata una nuova realtà nella città di Reggio Emilia, il gelo di questo gennaio ha portato con sé folate di vento e novità non di poco conto.
Cult è un progetto che ha preso vita nei mesi autunnali del 2022 e nasce da una stretta collaborazione tra la cooperativa sociale “Giro del cielo” ed artisti locali attivi sul territorio reggiano.

Cult come culto, quasi ad esaltarne la sacralità delle ambizioni, Cult come un movimento che punta a diventare icona per le nuove generazioni, un gruppo di teste che vuole creare nuovi orizzonti.

Useranno la parola, la musica e le immagini per rendere concreti i loro pensieri, l’astratto che incontra il pragmatico in una stretta di mano, perché l’aspirazione di CULT è quella di «…creare un ponte tra le storie, le esperienze e i vissuti delle persone…»

Si parte veloci, non si perde tempo; il collettivo ha annunciato qualche giorno fa tramite il proprio canale Instagram un HIP HOP CONTEST.


Dal 1 febbraio 2023 arriva come un treno in corsa “ROTY”, ovvero ROOKIE OF THE YEAR, al Centro Sociale Orti di Reggio Emilia.

Saranno 30 partecipanti totali che si daranno battaglia a suon di musica e solo uno ne uscirà vincitore.
Come potrete leggere dai loro social: «Alla fine della fase eliminatoria che vedrà un vincitore per serata, più due ripescati dalle sei serate che verranno selezionati dalla giuria, verrà annunciata la batteria degli otto finalisti…»

CULT collaborerà anche con la nota linea di abbigliamento SOUL VIBE del rapper Blade.

I premi saranno piuttosto interessanti ed è anche per questo che la competizione sarà avvincente.

Terzo posto: Maglietta SOUL VIBE & Produzione made by The Panic Attack.

Secondo posto: 2 ore di registrazione presso il Kaboom Studio & T-shirt e cappellino SOUL VIBE.

Primo posto: 2 ore di registrazione presso il Kaboom Studio & un video con regia e montaggio made by Samuele Buia.

Un passo importante, un filo che lega realtà diverse e sana competizione per raggiungere tutti insieme un obiettivo: «…creare un ponte tra le storie, le esperienze e i vissuti delle persone…»

Di Sarvish Waheed

LEGGI ANCHE

Amnesty International Rapporto 2023-2024

Il 28 maggio 1961 il quotidiano inglese The Observer pubblica la lettera aperta, firmata dall’avvocato londinese Peter Benenson intitolata “The Forgotten Prisoners” (I prigionieri dimenticati) che inizia