“Fortuna Granda” vince la X edizione di “Mente Locale – Visioni sul territorio”, il primo festival italiano di cinema documentario dedicato al racconto dei territori

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Bologna, 14 maggio 2023 – Dieci giorni di proiezioni, eventi, incontri, tavole rotonde17 film provenienti da tutto il mondo con sguardi multiformi sui territori, tre anteprime nazionali, e ancora il concorso Young dedicato alle produzioni audiovisive delle scuole italiane, con una giuria di circa 700 ragazzi e ragazze da tutta Italia: si chiude oggi domenica 14 maggio in Valsamoggia (Bo) la X edizione di Mente Locale – Visioni sul territorio, il primo festival italiano di cinema documentario interamente dedicato al racconto del territorio – naturale, culturale, antropologico, sociale: un festival diffuso nei territorio di Bologna e Modena, ospitato da sale indipendenti e in luoghi solitamente non raggiunti da festival, che risponde alla sfida di creare comunità attorno alle sale cinematografiche.

A vincere la X edizione del festival è Fortuna Granda di Alberto Gottardo e Francesca Sironi (Italia, 2022), cui la giuria, composta da Sarah Elena Schwerzmann, già commissioning editor di ARTE, Claudia Tosi, regista e produttrice e Marco Cucco, direttore del Master di primo livello in Management del Cinema e dell’Audiovisivo e docente DAR Università di Bologna, assegna il Premio Mente Locale – Visione Globale da 2mila euro.Fortuna Granda racconta con sobrietà, rispetto e autenticità le vicende di un gruppo di ragazzi che si dividono tra un difficile percorso scolastico e la precoce iniziazione al mondo del lavoro manuale. In questo racconto il Delta del Po si configura come sfondo delle vicende e protagonista chiave della narrazione, come luogo di condanna per i giovani studenti-lavoratori ma anche come loro grande fortuna, portando così il documentario a celebrare un totale simbiosi tra protagonisti e territorio. Fortuna Granda restituisce così un intreccio di vite e luoghi, di difficoltà e gratitudine, in grado di interrogare con forza lo spettatore a prescindere da dove viva” le motivazioni della giuria.

Il Premio da mille euro per il Miglior uso delle immagini di archivio va a Di visi di pietra memorie di Andrea Bordoli (Svizzera, 2022) per il modo in cui “l’uso creativo di materiali di archivio, immagini e suoni è tale da funzionare come correlativo della memoria umana.. Nell’opera di Bordoli, come nel pozzo della memoria, la realtà è insieme rappresentata e creata, in una certa misura. Il tempo e il ritmo trasformano ciò che è oggettivamente rappresentato in un’illusione visiva e il risultato è evocativo e ipnotico”. Stonebreakers di Valerio Ciriaci (Usa, 2022) va il Premio Suono e territorio, per l’eccezionale utilizzo della musica e del montaggio sonoro (realizzato da Stefano Di Fiore e Luigi Porto) nel raccontare i conflitti attorno ai monumenti sorti negli Stati Uniti durante le proteste seguite all’assassinio di George Floyd nel 2020. “La musica e il paesaggio sonoro trasmettono magistralmente la tensione di una nazione profondamente divisa e di un passato comune, ma non collettivo; un passato dolorosamente presente per alcuni e mestamente perso per altri. La forza della musica sta nell’enfatizzare questa dicotomia nella memoria, nell’esprimere il profondo vuoto ideologico tra schieramenti opposti e nel renderlo palpabile mentre si scontrano sullo schermo. La composizione di Francesco Venturi raccoglie il non detto, sospeso nell’aria, e il suo potere sta proprio nella giustapposizione dell’intermedio, dello spazio percettivo, che non può essere negoziato visivamente. Allo stesso tempo la musica ci àncora allo spazio fisico, che crea un’esperienza viscerale”.

Il Premio Distribuzione Sayonara Film va a Liv Till I Die (Svezia/Svizzera, 2022) di Gustav Ågerstrand, Åsa Ekman, Oscar Hedin Hetteberg e Anders Teigen, delicato documentario girato all’interno di una casa di riposo, in cui si esplora il territorio di confine tra vita e morte.

Due Menzioni speciali – quella del Touring Club Italia e del Segretariato Regionale MiC Emilia-Romagna “Mente Locale – Filmare per bene” vanno ad Infinito. L’universo di Luigi Ghirri di Matteo Parisini (Italia, 2022), che si aggiudica anche il Premio del Consorzio Parmigiano Reggiano da 500 euro: non una semplice biografia ma un ritratto costruito con delicatezza e pudore dell’universo lieve, delle visioni e dei pensieri di un quasi poeta in grado di rivelare, attraverso la sua fotografia, l’immagine della pianura, mondo di luoghi semplici e quotidiani eppure sorprendentemente fantastici.  Il DAR Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna assegna la Menzione speciale a Neighbour Abdi di Douwe Kijstra (Paesi Bassi, 2022), storia toccante che parla di riabilitazione e di superamento del passato difficile del protagonista in Somalia.

I film di Mente Locale – Visioni sul Territorio 2023 saranno disponibili gratuitamente per la visione fino a domani lunedì 15 maggio sulla piattaforma Openddb al link https://festival.openddb.it/mente-locale-festival/).

Mente Locale – Visioni sul territorio
Dal 5 al 14 maggio 2023 – Bologna, Loiano, Valsamoggia, Vignola, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Reggio Emilia
Ideato e organizzato dall’Associazione Carta Bianca

Con il contributo di: Regione Emilia-Romagna, Città di Vignola (MO), Comune di Valsamoggia (BO), Emil Banca, Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano, Consorzio Tutela Lambrusco DOC, Consorzio Vini Colli Bolognesi, Confcommercio – Città Metropolitana di Bologna, IPSAR Luigi Veronelli

In collaborazione con: Touring Club Italiano, Dipartimento delle Arti – Università di Bologna, Film Commission Torino Piemonte, Fondazione Sardegna Film Commission, DER Documentaristi Emilia-Romagna, Cinemax Bazzano, Cinema Bristol Multisala Savignano sul Panaro, Sayonara Film, Elenfant Distribution, Consorteria dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Spilamberto (MO), Agriturismo Il Castellazzo, Fondazione Rocca dei Bentivoglio, Ecomuseo della Collina e del Vino Valsamoggia, Proloco Castello di Serravalle (BO), Colline tra Bologna e Modena, Biblioteche Valsamoggia, Libreria Carta Bianca, Comune di Casalecchio di Reno (BO), Comune di Loiano (BO), Comune di Spilamberto (MO), Associazione Amici del Vittoria, Nonantola Film Festival, SPI CGIL – Lega Valsamoggia, Federazione Nazionale Cinevideoautori, Associazione MAB, SHORTer, FreeU, Slowfood,  StickerMule; Con il patrocinio di: Segretariato Regionale MiC Emilia-Romagna; Festival associato AFIC

LEGGI ANCHE

Amnesty International Rapporto 2023-2024

Il 28 maggio 1961 il quotidiano inglese The Observer pubblica la lettera aperta, firmata dall’avvocato londinese Peter Benenson intitolata “The Forgotten Prisoners” (I prigionieri dimenticati) che inizia