“Italia Pier Vittorio Tondelli”: sabato 10 dicembre, la “Giornata Tondelli” 2022 a Correggio, Palazzo dei Principi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

È incentrata sui diversi linguaggi delle varie arti della contemporaneità “Giornata Tondelli”, promossa dal Comune di Correggio, a Palazzo dei Principi, sabato 10 dicembre 2022.


L’apertura della giornata – alle ore 9,30 – come di consueto è affidata al Seminario Tondelli, giunto quest’anno alla ventiduesima edizione, che offre a giovani studiosi e appassionati la possibilità di presentare al pubblico alcuni tra i più recenti studi e interventi critici sullo scrittore correggese. Coordinati da Gino Ruozzi, interverranno Giovanni Betti, Jessy Simonini, Melody Medaglia, Christoph Flechl, Ludovico Fiamozzi, Gianni Cimador e Aymeric Dorier.


Cinque, invece, gli interventi previsti nel pomeriggio, dalle ore 15 – dopo i saluti istituzionali di Gabriele Gavazzi, sub commissario del Comune di Correggio – per “Arti e linguaggi“: si comincia con la proiezione della versione rimasterizzata My sweet camera, docu liberamente ispirato al racconto “My sweet car”, con lo studioso Jessy Simonini e il regista Ranuccio Sodi; a seguire, “I linguaggi della controcultura nella Bologna Anni ‘80“, con interventi di Oderso Rubini, produttore musicale, e Fabio Testoni, musicista; “Gli Anni Ottanta e la merce perfetta“: lo scrittore Giacomo Papi, autore di “Italica” (Rizzoli, 2022), dialoga con Ranuccio Sodi; “2022 anno di centenari letterari: da Verga a La Capria“, intervento di Gino Ruozzi; infine “Danzare gli Anni Ottanta“, con il coreografo Mauro Bigonzetti. E proprio una coreografia di Bigonzetti, chiude la giornata al Teatro Asioli, alle ore 20,30, quando va in scena Ballade“, un “omaggio” a Pier Vittorio Tondelli di MM Contemporary Dance Company.

LEGGI ANCHE

“Il conte di ponte Sisto” di Maurizio Milazzo

Romanzo di delitto e castigo, di falsità e riscatto, Il conte di ponte Sisto narra delle doppiezze e dei tradimenti di cui sono vittime il giovane programmatore precario Fabio e l’anziano senza fissa dimora