“Kalimat” Nuovi passi per amare la lingua araba.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Nella lingua araba la frase nominale è costituita dal soggetto (un nome o un pronome) e da un predicato (un nome, un aggettivo, ecc.). In italiano, essa contiene il verbo essere, ma in arabo il verbo essere invece non esiste. Più precisamente, nella forma presente viene completamente omesso, mentre si utilizzano forme differenti per la forma negativa, per il passato e per il futuro”.

Il brano sopra riportato è tratto da Kalimat. Nuovi passi per amare la lingua araba, nuovo lavoro di Hisam Jamil Allawi che con Michele Terzano ci permette di approfondire la conoscenza della lingua araba. Ogni capitolo è corredato da spiegazioni dettagliate ed è completato da un’ampia scelta di esercizi tramite i quali mettere in pratica i contenuti appresi.

Oltre a fornire al lettore le nozioni indispensabili per comprendere un testo scritto e affrontare semplici dialoghi, Kalimat insegna a utilizzare gli aggettivi, i pronomi dimostrativi e quelli relativi, a costruire la frase in arabo, a posizionare correttamente il verbo, a declinare il sostantivo e l’aggettivo, a capire quando e come utilizzare l’articolo. Infine, a contare fino a mille pecore prima di addormentarsi e a descrivere i colori del deserto al tramonto, che non guasta mai.

Il libro:
Titolo: Kalimat
Autori: Hisam Jamil Allawi, Michele Terzano

Casa editrice: Infinito Edizioni (€ 15,00 – pag. 110)

Gli autori

Hisam Jamil Allawi, laureato in lingua e letteratura araba all’Università di Aleppo, in Siria, nella stessa città ha insegnato nelle scuole superiori e negli istituti linguistici per studenti stranieri. Dal 2011 vive a Parma, dove insegna lingua e letteratura araba e lavora come mediatore linguistico culturale. Ha tradotto in arabo il libro di don Milani Lettera a una professoressa. Con Infinito edizioni ha pubblicato Salaam. Primi passi verso la lingua araba (2015) e Brucia il ricordo di te (2016).

Michele Terzano, ingegnere e ricercatore presso la Graz University of Technology, in Austria, apprezza la lettura, la montagna e la cultura del viaggio, alla scoperta di usi e tradizioni dei Paesi distanti dall’Europa. Interessato alla cultura e alla storia del mondo arabo, è allievo e amico di Hisam Allawi.

LEGGI ANCHE

Fare la scuola coi fichi secchi

“Fare la scuola coi fichi secchi”. Ovvero pensare di risolvere i problemi della scuola senza investire risorse economiche. Si parla tanto di bullismo e inclusione