Le autrici di «Pioniere. Le donne che hanno fatto l’Europa» al Parlamento europeo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

28 giugno, le autrici di Pioniere. Le donne che hanno fatto l’Europa Pina Caporaso e Giulia Mirandola sono state ospiti dell’incontro «PIONIERE. Le madri fondatrici che ispirano l’Europa» presso il Parlamento europeo, assieme alle eurodeputate Camilla Laureti e Alessandra Moretti del gruppo Socialists and Democrats.

Le autrici del volume pubblicato da Settenove hanno tenuto una relazione su alcune figure chiave del progetto europeo: Ursula Hirschmann, Simone Veil, Fausta Deshormes la Valle e Eliane Vogel Polsky, figure sono contenute nel volume Pioniere. Le donne che hanno fatto l’Europa, illustrato da Michela Nanut che racconta le vite di undici donne che hanno contribuito a costruire l’Europa.

Nelle loro biografie si racconta il desiderio di un’unione all’insegna della pace, dei diritti, della giustizia sociale e dell’uguaglianza di genere, capace di trascendere le barriere nazionali e le visioni di corto respiro.

All’evento hanno partecipato visitatori italiani e persone che lavorano nelle istituzioni. Tra il pubblico era presente anche Elisa Ercoli, presidente di Differenza donna, associazione contro la violenza maschile sulle donne, che proprio quest’anno ha consegnato l’attestato «Attivista per le donne» alla casa editrice Settenove.

L’incontro si è svolto nella giornata in cui il Parlamento europeo ha approvato le modifiche proposte dalle commissioni Libertà civili e Diritti delle donne del Parlamento Ue alla proposta di direttiva contro la violenza di genere sul tema dello stupro e del consenso. Le commissioni hanno chiesto di «aggiungere paura e intimidazione all’elenco dei fattori che precludono il libero processo decisionale» della vittima e hanno sottolineato come «il consenso debba essere valutato tenendo conto delle circostanze specifiche».

Il progetto di relazione chiede per tutti i paesi dell’Unione europea una definizione di stupro uniforme e basata sul consenso. Si chiede infine che i paesi membri dell’Ue garantiscano assistenza legale gratuita alle vittime.

Il testo dovrà essere approvato a luglio dalla plenaria dell’Eurocamera.

Pioniere. Le donne che hanno fatto l’Europa

Dopo Libere e sovrane. Le donne che hanno fatto la Costituzione, un nuovo progetto racconta le vite di undici donne che, con idee e azioni, hanno contribuito a costruire l’Europa.
Nelle loro biografie si racconta il desiderio di un’unione all’insegna della pace, dei diritti, della giustizia sociale e dell’uguaglianza di genere, capace di trascendere le barriere nazionali e le visioni di corto respiro. Le donne rappresentate in quest’albo sono state rivoluzionarie, avvocate, funzionarie, sindacaliste e docenti. Alcune furono protagoniste di grandi momenti fondativi, altre di un tenace lavoro quotidiano.
Le undici biografie sono accompagnate da alcune pagine sui contesti in cui la loro azione ha generato cambiamenti significativi: il pacifismo, il lavoro femminile, il programma Erasmus, la presenza delle donne nei processi costitutivi europei e nelle Istituzioni comunitarie. Un viaggio che attraversa il Novecento per condurci fino alla ricchezza, ma anche alla vulnerabilità dell’Europa attuale. Un’idea ancora in costruzione, che può trarre grande nutrimento dalle parole e dalle azioni di queste donne straordinarie.

Casa editrice: Settenove

ISBN: 9788898947874

PREZZO: € 18,05 

LEGGI ANCHE

Amnesty International Rapporto 2023-2024

Il 28 maggio 1961 il quotidiano inglese The Observer pubblica la lettera aperta, firmata dall’avvocato londinese Peter Benenson intitolata “The Forgotten Prisoners” (I prigionieri dimenticati) che inizia