“Mega Ehsaas” La comunità degli appassionati di Cinema Indiano in Italia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Dialogo e conoscenza sul subcontinente indiano tramite il cinema e l’arte

Mega Ehsaas nasce quattro anni fa, come un blog per condividere ed esprimere la propria passione per il cinema Indiano. Dopo aver sperimentato diversi tipi di contenuti sul blog e Instagram, lo scorso agosto, Bains Rajwinder Kaur e Harshil Harshil, amici, due appassionati di cinema e studenti di arte e lingue, hanno deciso di iniziare una collaborazione per rendere Mega Ehsaas uno spazio concreto per discutere tutto quello che riguarda il cinema Indiano e per aprire un dibattito sulle recenti uscite indiane nelle sale cinematografiche e piattaforme streaming Italiane. Tutto ciò per favorire l’integrazione e una conoscenza reciproca della interculturalità che popola la corrente realtà Italiana.

“Mega Ehsaas” è l’accostamento delle parole mega un superlativo ed ehsaas, emozione nella lingua hindi, volendo alludere alla grande emozione che si prova in seguito alla visione del contenuto cinematografico indiano. La comunità di cinefili che si sta formando attorno a questa pagina vuole scoprire o riscoprire le origini di chi arriva da questa zona geografica sfuggendo a racconti sintetici e parziali, in termini esotici o di degrado, con cui spesso le narrative tendono a ridursi. Dunque questa iniziativa vuole partire da una narrativa in prima persona del subcontinente indiano, proponendo immagini e lungometraggi provenienti direttamente dall’India, ponendosi come un progetto di educazione interculturale che racconta le origini, gli usi e i costumi indiani.

Tra gli altri obiettivi di Mega Ehsaas rientra mettere in evidenza l’aumento della richiesta di contenuto multimediale asiatico nelle sale cinematografiche italiane, in risposta alle esigenze delle seconde generazioni portatrici di duplice cultura e desiderose di sentirsi rappresentate anche con i mezzi più rapidi e in linea con le nuove modalità di apprendimento, ovvero le immagini e i film.

Per rispondere a tale missione i gestori della pagina offrono incontri mensili intitolati “Mega Vichar” (dal hindi “grande dibattito”) sulla piattaforma Discord, su visioni pre-stabilite tramite sondaggi di documentari, corti o lungometraggi indiani.

Tra le proposte della pagina, c’è la possibilità di cogliere dei suggerimenti mensili di film, serie televisive e documentari disponibili sulle piattaforme streaming italiane per poi commentarle a fine mese.

Altri contenuti della pagina vedono la ricostruzione della storia dell’industria cinematografica indiana in occasione degli anniversari dei film iconici e/o compleanni di figure importanti del settore.

Più recentemente, invece, per percepire anche il senso della comunità cinefila in formazione, Mega Ehsaas organizza i primi eventi nel comune di Castiglione Delle Stiviere, in collaborazione con il centro culturale Arci Dallò situato sempre nella stessa città, sotto la provincia di Mantova. Mostre espositive in collaborazione con giovani artisti accomunati dallo stesso senso nostalgico o dal desiderio di divulgazione culturale, cercando anche di sfatare i classici stereotipi attribuiti ai contenuti Indiani. Il primo evento ha visto l’inaugurazione della mostra “Desi” dell’artista Malvika (@aroundwithdesi su Instagram) , in cui i curatori di Mega Ehsaas hanno presentato le opere della digital artist, che rimarranno esposte fino al 30 luglio all’Arci Dallò. Mentre il secondo evento vede la realizzazione di un progetto ideato un anno fa, dedicato alla celebrazione del 110° anniversario di Bollywood, il 1° Luglio ci sarà l’evento “Bollywood 110” , con una mostra che ripercorre le tappe della storia del cinema indiano. La serata sarà arricchita dal contributo di diversi artisti che trasporteranno i visitatori nel vasto subcontinente Indiano, ricco di cultura e tradizioni.

LEGGI ANCHE

Amnesty International Rapporto 2023-2024

Il 28 maggio 1961 il quotidiano inglese The Observer pubblica la lettera aperta, firmata dall’avvocato londinese Peter Benenson intitolata “The Forgotten Prisoners” (I prigionieri dimenticati) che inizia