Perché il CEO di Facebook Mark Zuckerberg critica Apple e elogia Google

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Non c’è amore tra Apple e Facebook (o Meta come è noto ora). Per anni, c’è stata molta tensione tra le due società. Apple ha criticato apertamente il modo in cui Facebook gestisce la privacy degli utenti e ha apportato alcune modifiche che hanno davvero danneggiato l’azienda. Il CEO di Meta Mark Zuckerberg ha affermato che le politiche di Apple sono costate ad Apple quasi $ 10 miliardi di entrate nel 2022. Ora Zuckerberg ha nuovamente criticato Apple per le sue politiche sull’App Store.

Al vertice DealBook del New York Times Zuckerberg ha affermato che ciò che Apple sta facendo con le politiche dell’App Store non è sostenibile. “Apple si è in qualche modo individuata come l’unica azienda che sta cercando di controllare unilateralmente quali app ottengono su un dispositivo.

Ciò non è stato una sorpresa poiché Zuckerberg è stato spesso critico nei confronti di Apple e del suo approccio nei confronti di app e sviluppatori. Meta ha accusato Apple di rendere difficile la vita a piccoli e grandi sviluppatori.

Elogio per Google da Zuckerberg

Apple potrebbe essere stata l’obiettivo delle critiche di Zuckerberg, ma ha avuto parole di elogio per Google. Ha affermato che Google è stato più aperto con gli utenti Android in quanto consente agli utenti di guardare anche oltre il Play Store. “L’hanno sempre fatto in modo che tu possa eseguire il sideload e avere altri app store e lavorare direttamente con i produttori di telefoni“, ha affermato Zuckerberg. Ha anche detto che è così che Meta si è avvicinata ai suoi visori VR e intende fare lo stesso con i suoi visori AR. “Questo è stato anche il nostro impegno nel modo in cui abbiamo costruito la nostra realtà virtuale e cosa intendiamo fare con i nostri visori AR”, ha aggiunto.

Non è la prima volta e certamente non sarà l’ultima in cui Zuckerberg e Facebook avrebbero criticato Apple.

LEGGI ANCHE

Amnesty International Rapporto 2023-2024

Il 28 maggio 1961 il quotidiano inglese The Observer pubblica la lettera aperta, firmata dall’avvocato londinese Peter Benenson intitolata “The Forgotten Prisoners” (I prigionieri dimenticati) che inizia