Può un sistema di intelligenza artificiale diventare un individuo? “Sciabaca Festival”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Al festival organizzato da Rubbettino, il prossimo sabato, la lectio magistralis di Riccardo Manzotti e Simone Rossi su identità e IA

Se c’è un appuntamento tra i più amati dal pubblico di Sciabaca – il festival dedicato ai viaggi e culture mediterranee organizzato ogni anno da Rubbettino a Soveria Mannelli, in Calabria – questo è senz’altro la tradizionale lectio magistralis del sabato sera che vede illustri studiosi alle prese con argomenti di grande fascino.

Quest’anno – l’anno della rincorsa tra le varie aziende hi-tech per la messa a punto del più intelligente sistema di intelligenza artificiale – la lezione, prevista per la sera di sabato 23, non poteva che essere dedicata al tema del momento, l’intelligenza artificiale appunto.

A fare da leit-motiv un’inquietante domanda: ma un sistema intelligente può essere anche un individuo? E cosa rende l’individuo tale?

A tracciare alcuni possibili percorsi per rispondere a questo interrogativo, due ospiti d’eccezione: Riccardo Manzotti e Simone Rossi.

Riccardo Manzotti, filosofo e ingegnere, è professore di filosofia teoretica all’università IULM di Milano. È stato visiting scholar al MIT di Boston e ha pubblicato decine di articoli scientifici e filosofici. Si è sempre occupato di coscienza e di intelligenza artificiale, oltre che di media, psicologia dell’arte, stati allucinatori. Manzotti dal 2014 sostiene una teoria della mente di tipo naturalistico, ovvero la nostra esperienza non è una entità astratta come l’informazione, ma è tutt’uno con il mondo fisico nel quale viviamo. Una forma di esistenzialismo 2.0, insomma.

Simone Rossi è Professore di neurologia all’Università di Siena, dirige l’attività clinica relativa alla Malattia di Parkinson e il Si-BIN Lab (Siena Brain Investigation & Neuromodulation Lab). È stato presidente della Società Italiana di Psicofisiologia e Neuroscienze Cognitive e segretario della Società Italiana di Neurofisiologia Clinica. È un esperto internazionale di studi funzionali sul cervello, in particolare delle metodiche di stimolazione transcranica.

Riccardo Manzotti e Simone Rossi sono autori di un recente libro per Rubbettino dal titolo “Io & IA Mente, cervello & GPT”.

Chi sono io? O che cosa sono io? Una volta lo si sarebbe chiesto a un filosofo, poi a un neuroscienziato, oggi lo possiamo chiedere a una intelligenza artificiale, un IA, anzi una ia (in minuscolo). Ma la ia saprà che cosa è un io? La ia sarà un io? E l’io, poi, sarà qualcosa che si è o che si ha? Persi in questo labirinto di domande, un neuroscienziato e un filosofo della mente si confronteranno con l’intelligenza artificiale in un dialogo a due (o a tre?) e si interrogheranno sulla natura di noi stessi e dei nostri alter ego artificiali. In un momento in cui le intelligenze generative (ChatGPT, Dall-E, OpenAI) sembrano diventare capaci di creare contenuti paragonabili a quelli degli essere umani, ci sentiamo smarriti. Siamo diventati obsoleti? Il cervello sarà in grado di competere con i computer dotati di nuovi algoritmi? C’è qualcosa che le macchine non hanno? E se ci fossimo trasformati in macchine a nostra volta? In fondo anche il cervello non contiene niente che la fisica non possa spiegare.

LEGGI ANCHE

Ancora un attacco al diritto all’Aborto !

Questo governo vuole insediare le associazioni antiabortiste nei consultori.(con i soldi pubblici  del PNRR)  La loro presenza,spacciata come supporto alle maternità  in difficoltà, rappresenta l’ennesima 

Un “giardino Alzheimer” ai Millefiori

Inizieranno nella seconda metà di maggio, a Novellara, i lavori per la realizzazione di un “giardino Alzheimer” nell’area verde interna della casa protetta “I Millefiori” in via Costituzione. Il