Reggio Film Festival e Collettivo Aùno lanciano il workshop “THE WRITERS’ ROOM”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Un workshop immersivo per dare un’occasione di confronto a giovani autori dell’audiovisivo per formarsi e migliorare il proprio lavoro.

Centinaia di opere da tutto il mondo, ospiti di grande rilievo, incontri di  approfondimento, grande partecipazione del pubblico. Questi gli ingredienti di Reggio Film Festival, una formula che si rinnova da più di 20 anni e un appuntamento  importante per Reggio Emilia, conosciuto ben oltre i confini della città emiliana. 

Un festival internazionale, che da sempre si pone l’obiettivo di valorizzare le opere di registi e videomaker da tutto il mondo e, allo stesso tempo, di creare occasioni di  approfondimento culturale che diano valore alla cultura cinematografica e alle  tematiche via via affrontate. 

Quest’anno, a completare il ricco palinsesto di eventi e opportunità arriva THE  WRITERS’ ROOM: un progetto nato in collaborazione con Collettivo Aùno, giovane realtà di autori e sceneggiatori, completamente dedicato e pensato per gli  sceneggiatori in erba. Un workshop intensivo di una giornata, in presenza, a Reggio Emilia, per dare l’opportunità a giovani autori di confrontarsi, formarsi, e migliorare il  proprio lavoro. Proprio come succede nella Writers’ Room di una serie TV. 

THE WRITERS’ ROOM si terrà tra ottobre e novembre 2023, in data da definirsi, nel contesto dell’edizione 2023 di Reggio Film Festival. Durante l’appuntamento, i partecipanti avranno l’opportunità di perfezionare la sceneggiatura di un  cortometraggio, scritto da loro stessi e di massimo 15 pagine copertina esclusa, senza  limiti di genere e proposto in fase di iscrizione. I partecipanti impareranno a sviluppare  le proprie competenze in un ambiente collaborativo guidato dai membri di Collettivo Aùno, ricevendo feedback sul loro lavoro e argomentando criticamente punti di forza  e di debolezza del lavoro degli altri partecipanti. 

A prendere parte al workshop, un massimo di 5 autori, selezionati per la qualità del  loro lavoro. Il numero chiuso di partecipanti darà l’opportunità a tutti i selezionati di 

ricevere la giusta attenzione, così che nessun aspetto del loro lavoro – punti di forza  o di debolezza – venga tralasciato. 

Inoltre, tutti coloro che invieranno una sceneggiatura per valutazione, anche se non  selezionati, riceveranno una scheda tecnica di massimo una pagina, che metterà in  evidenza i pregi e i difetti dell’opera e motiverà le ragioni per cui il progetto non è  stato selezionato. In questo modo, Reggio Film Festival e Collettivo Aùno desiderano  offrire un’opportunità di crescita concreta, che prescinda da logiche di merito e che  parta dal presupposto che la scrittura è, soprattutto, esercizio. 

Le iscrizioni a THE WRITERS’ ROOM sono aperte su FilmFreeway fino al primo ottobre  2023, con tariffa scontata Early Bird disponibile per tutte le iscrizioni pervenute entro  il 14 giugno (a 14 euro invece che 15). Gli autori dei progetti selezionati saranno  contatti e invitati a partecipare al workshop entro e non oltre il 31 ottobre 2023. Ogni  spesa di viaggio per raggiungere il luogo del workshop sarà a carico dei partecipanti.  È ammesso l’invio di sceneggiature originali in lingua inglese e da paesi esteri. Per i 5 autori selezionati sono inoltre previsti numerosi altri premi: un account  Advanced gratuito su Patamu per proteggere i diritti della propria opera; uno sconto del 50% per attivare un account Professional su Patamu; uno sconto del 20% su un  titolo a scelta dal catalogo cinema della Dino Audino editore; abbonamento gratuito, per un anno, a The Writer’s Confessional, il format di interviste con grandi autori  condotto da Collettivo Aùno, comprensivo di accesso a tutti i contenuti a pagamento.

Chi è Collettivo Aùno 

Collettivo Aùno è una giovane realtà di autori e sceneggiatori, amanti delle grandi storie, formati in  teoria e tecnica delle sceneggiatura. Collettivo Aùno sono: Andrea Castelli, regista, sceneggiatore,  co-regista del cortometraggio Ciò che desidero di più, selezionato in numerosi festival internazionali e attualmente in produzione con il suo prossimo lavoro; ed Elisa Teneggi, autrice, giornalista per  Rolling Stone, Fabrique Du Cinéma, cheFare e tanti altri. 

Contatti 

[email protected] 

[email protected]

LEGGI ANCHE

Hikikomori, uno sguardo dal buio

Hikikomori è un termine giapponese traducibile con “stare in disparte”. È un fenomeno che comincia a manifestarsi alla metà degli anni ottanta e si afferma