“Beati gli idioti” L’incontro con Daniele Castellari, martedì 6 febbraio in Biblioteca a S.Ilario

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Daniele Castellari: “Beati gli idioti”

Martedì 6 febbraio in Biblioteca a S.Ilario il noto insegnante, scrittore e formatore presenta il suo nuovo saggio tra Dostoevskji e il “discorso della montagna”.

Martedì 6 febbraio (ore 20.45) Daniele Castellari presenta in Biblioteca a Sant’Ilario d’Enza il suo nuovo libro “Beati gli idioti. Dostoevskji e il discorso della montagna” da poco pubblicato da Pazzini Editore. L’autore dialogherà con Alberto Zanetti (Ufficio Cultura, Comune di Sant’Ilario d’Enza).

Beati gli idioti” è la rilettura del celeberrimo romanzo “L’idiota” di Dostoevskij attraverso una lente teologica: il cosiddetto “Discorso della montagna” riportato nei Vangeli. Il libro si compone di tre parti: un serrato confronto con i principali interpreti di Dostoevskij sull’identità profonda del principe Myškin, protagonista del romanzo; una lettura “teatrale” del testo proiettato in una dimensione scenica e passato al setaccio delle otto beatitudini evangeliche; una conclusione sul valore estetico ed etico dell’idiozia. Dall’antica tradizione ascetica e spirituale dei “folli in Cristo”, molto frequente nella letteratura russa e nella tradizione ortodossa, e dal confronto serrato con le beatitudini evangeliche, il principe Myškin assume la prospettiva del cristiano in cammino, né Cristo né il diavolo, ma colui che, pur nella fragilità umoristica delle sue esperienze, “ci sta provando”: l’avventura di un povero cristiano.

Il santilariese Daniele Castellari insegna Lettere al Liceo “A. Moro” di Reggio Emilia e svolge attività di formatore sia come narratore che come esperto di temi legati all’innovazione e alla creatività. Direttore artistico e animatore dell’associazione Teatro L’Attesa che gestisce il Piccolo Teatro in Piazza di S.Ilario, ha ideato gli eventi “Spaccio di Poesia” e, dal 2017 al 2023, “La Città del Lettore” a Reggio Emilia. Tra le pubblicazioni, per editori come Franco Angeli, EDB, Paoline, EMI, Aliberti, “Non so se il riso o la pietà prevale. Misericordia e umorismo nel romanzo ebraico del Novecento” con prefazione di Moni Ovadia.

Ingresso libero. Info: Biblioteca Comunale, piazza Repubblica 11/E, Sant’Ilario d’Enza (RE). Tel. 0522 672154.

LEGGI ANCHE

Hikikomori, uno sguardo dal buio

Hikikomori è un termine giapponese traducibile con “stare in disparte”. È un fenomeno che comincia a manifestarsi alla metà degli anni ottanta e si afferma

Manifesto della moltiplicazione degli organi

«L’apparato tecnologico diventa uno strumento di cattura solo quando ci poniamo come fruitori inconsapevoli degli strumenti utilizzati o ne veniamo rimodellati in maniera negativa senza