“Dialoghi in cielo”, i racconti di Can Xue

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

I racconti di questa raccolta, una delle prime e delle  più acclamate di Can Xue ad arrivare in Europa, in dagano l’incanto di una civiltà, quella cinese, in pe renne sospensione tra l’antico e il moderno. Portano  in sé gli oscuri oracoli di Eschilo e Sofocle, il mistero  paranoico di Kafka, il flusso malinconico di Woolf,  aggiungendo un nuovo capitolo alla tradizione lette raria dell’irrazionale, in cui i confini restano aperti  tra sogno e realtà

L’autrice si sofferma sulla propria infanzia e sulle  oppressioni politiche tipiche del suo paese, contrap ponendo al mondo adulto della persecuzione il lim bo dilatato dell’incoscienza. Denuncia la costrizio ne dei rapporti familiari, tra madri che si sciolgono  in catini d’acqua, come fossero di sapone, perché  sommerse dall’odio filiale, coppie che si perdono  nel dormiveglia in dimore immense e solitarie, in  cui regna un’atmosfera minacciosa, e lucernari che  si aprono sui misteri inspiegabili della condizione  umana. Pennellate e tasselli che formano una sorta  di percorso iniziatico, al termine del quale tutto si  risolve in emozioni e sensazioni non esplicitamente  descritte, ma evocate.  La purezza lirica e l’oscurità grottesca si scontrano e  si confondono. La logica cede e il lettore si specchia  nella pagina, riflettendo la propria immagine.

In copertina, un’opera del giovane artista italiano  Stefano Perrone

Can Xue, pseudonimo di Deng  Xiaohua, è nata a Changsha nel  1953. È una delle voci più acclama te della letteratura cinese contem poranea. Dopo aver svolto diversi  lavori, tra cui l’operaia, l’insegnan te e la sarta, verso la metà degli  anni ottanta ha iniziato a dedicar si a tempo pieno alla scrittura. La  sua produzione include racconti e  romanzi d’avanguardia, ma anche  volumi di critica letteraria. Ha stu diato con particolare attenzione le  opere di Dante, Kafka e Borges.  

Riconosciuta dalla critica inter nazionale come un’esponente di  spicco della letteratura sperimen tale e tradotta in molte lingue, ha  ottenuto riconoscimenti in tutto  il mondo. Nel 2016 è arrivata in fi nale al Neustadt Prize, mentre nel  2019 e nel 2021 è stata candidata  all’International Booker Prize. I suoi libri sono in corso di pub blicazione nel catalogo di Utopia. 

«Le sue storie fanno venire  in mente Kafka, Calvino o  Ishiguro, ma Can Xue possiede  una voce davvero unica.» THE INDEPENDENT 

«In Cina non ci sono scrittori  simili a Can Xue. Inconsueta,  surreale e avvincente.» PUBLISHERS WEEKLY 

«Leggere la narrativa di Can  Xue è come correre al buio  in discesa: si gode dello slancio,  ma si ignora la direzione.» THE NEW YORK TIMES

Pagine: 128 

Formato: 13,5 × 21 cm 

Volume in brossura con alette 

Prezzo: 17,00 € 

Collana: Letteraria Straniera 

ISBN: 9791280084460 

Traduttrice dal cinese: Maria Rita Masci

LEGGI ANCHE

Amnesty International Rapporto 2023-2024

Il 28 maggio 1961 il quotidiano inglese The Observer pubblica la lettera aperta, firmata dall’avvocato londinese Peter Benenson intitolata “The Forgotten Prisoners” (I prigionieri dimenticati) che inizia