Free! Musica creativa al Centro Mavarta, con violinista Emanuele Parrini

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Dal 30 settembre una nuova serie di concerti con nomi di rilievo della scena nazionale. Primo appuntamento con il violinista Emanuele Parrini.

Sabato 30 settembre (ore 21.00) primo appuntamento della rassegna “Free! Mavarta Music Live” al Centro Culturale Mavarta di Sant’Ilario d’Enza.


In scena Emanuele Parrini, uno dei maggiori rappresentanti contemporanei del violino in ambito jazz. Di formazione classica, a suo agio nei generi più diversi e nell’improvvisazione, vincitore di numerosi premi, Parrini vanta collaborazioni con artisti del calibro di Tony Scott, Cecil Taylor, Keith Tippet, Anthony Braxton. Tra le sue ultime incisioni “Mappe per l’Eden” insieme al “Dinamitri Open Combo” (2021) e “DIGGING. Reflections on Jazz and Blues” realizzato con il suo quintetto e Taylor Ho Bynum.
Free! Mavarta Music Live” è promossa da Corpo Filarmonico di S.Ilario e Amministrazione Comunale: quattro concerti al Centro Culturale Mavarta che si avvalgono della collaborazione del musicista, poeta e critico Nazim Comunale, firma, tra gli altri, del quotidiano Il Manifesto, del Giornale della Musica e della rivista Blow Up.
La rassegna è nata idealmente per ricollegarsi ai 50 anni della storica manifestazione “Musica/Realtà” che, dal 1973 al 1976, portò a S.Ilario artisti del calibro di Maurizio Pollini e Luigi Nono: un evento unico che metteva insieme classica e contemporanea, folk e nuove forme della musica giovanile, grandi maestri e ampliamento democratico dell’accesso a cultura e saperi. A Musica/Realtà sarà dedicato un evento speciale mercoledì 18 ottobre alla Biblioteca Comunale di Sant’Ilario d’Enza.

Ingresso a offerta libera. Info: Centro Culturale Mavarta, via Piave 2, Sant’Ilario d’Enza (RE). Tel. 0522 671858

LEGGI ANCHE

“Il conte di ponte Sisto” di Maurizio Milazzo

Romanzo di delitto e castigo, di falsità e riscatto, Il conte di ponte Sisto narra delle doppiezze e dei tradimenti di cui sono vittime il giovane programmatore precario Fabio e l’anziano senza fissa dimora