Matto Azzurro: parte la nuova stagione 29 settembre

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

“Matto Azzurro”: la nuova stagione con il duo Grossi/Parrini

Venerdì 29 settembre (ore 21.00) due talenti del jazz italiano protagonisti della rassegna al Centro Sociale Gattaglio di Reggio Emilia.


Venerdì 29 settembre  (ore 21.00) primo appuntamento della nuova stagione della rassegna “Matto Azzurro”: al Centro Sociale Gattaglio di Reggio Emilia arriva il duo d’eccezione composto da Andrea Grossi (contrabbasso) ed Emanuele Parrini (violino).

Un duo di corde di grande spessore che dà luogo a un concerto in cui la tradizione della musica cameristica, quella soprattutto legata alle cavature degli archi, viene spostata, dilatata, dilaniata, amplificata, come in un caleidoscopio multiforme e colorato, da suoni ed echi contemporanei, in cui di volta emergono diversi ambienti sonori legati alle matrici più disparate.


Andrea Grossi, co-leader del trio Blend 3 e leader della Blend Orchestra, collabora con svariate situazioni nell’ambito del jazz, della musica improvvisata, delle arti performative e in formazioni orchestrali di musica classica e contemporanea.


Emanuele Parrini, uno dei maggiori rappresentanti contemporanei del violino in ambito jazz. Di formazione classica, a suo agio nei generi più diversi e nell’improvvisazione, vincitore di numerosi premi, Parrini vanta collaborazioni con artisti del calibro di Tony Scott, Cecil Taylor, Keith Tippet, Anthony Braxton, e si esibirà anche il 30 settembre al Centro Culturale Mavarta di Sant’Ilario d’Enza per la rassegna Free! Mavarta Music Live.


Matto Azzurro è la rassegna musicale che porta a Reggio Emilia il meglio della musica contemporanea tra jazz, avanguardia e sperimentazione. Un progetto, giunto alla seconda edizione, a cura di Nazim Comunale, poeta, musicista, critico (Il Manifesto, Blow Up, Giornale della Musica). 


Ingresso 5 EuroInfo: Bocciodromo “Gatto Azzurro” – Centro Sociale Gattaglio, via Gattaglio 30 – Reggio Emilia. Tel. 385470327

LEGGI ANCHE

Amnesty International Rapporto 2023-2024

Il 28 maggio 1961 il quotidiano inglese The Observer pubblica la lettera aperta, firmata dall’avvocato londinese Peter Benenson intitolata “The Forgotten Prisoners” (I prigionieri dimenticati) che inizia