Una Nuova Preistoria Umana

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Sabato 21 ottobre ore 17.00 Libreria Ubik Irnerio, via Irnerio 27 – Bologna presentazione del libro di Widmer Berni e Maria LonghenaUNA NUOVA PREISTORIA UMANA


Volume II: all’origine delle civiltà. Ne parlano gli autori!

Con Una nuova preistoria umana gli autori esprimono il tentativo di aprire una via di interpretazione alternativa fondata su testimonianze concrete e supportate da molteplici documenti. Seguendo il filo conduttore di Haou Nebout – I popoli del mare, loro precedente lavoro, propongono un periplo attraverso culture e miti che affondano le radici in una preistoria “diversa” da come ci è stata presentata sino ad ora. I fondamenti di questa ricerca provengono dall’analisi di testi egizi sui quali era calato un velo oscuro: testimonianze incomprese, travisate, persino celate, quasi perdute, dalle quali emergono aspetti sorprendenti e troppo spesso dimenticati.

Gli autori:

Widmer Berni, specialista in Dermatologia e Venerologia, è da sempre appassionato studioso di antiche civiltà, collezionista e studioso di numismatica classica e civiltà precolombiane. Per Pendragon ha pubblicato con Antonella Chiappelli Haou Nebout (2008) e, insieme a Maria Longhena, Una nuova preistoria umana (vol. 1, 2019).

Maria Longhena, archeologa americanista, è laureata in storia antica presso l’Università di Bologna. Ha svolto attività di scavo e di ricerca nel campo delle civiltà maya e inca presso vari musei, in particolare i Musei Reali di Arte e di Storia di Bruxelles. Attualmente collabora con l’Università di Pisa nello studio di mummie peruviane e si occupa di ricerca sulla preistoria e sul megalitismo nel Mediterraneo. Per Pendragon ha pubblicato, in coppia con Widmer Berni, i volumi Una nuova preistoria umana (vol. I, 2019).

Casa editrice: Pendragon

LEGGI ANCHE

“Il conte di ponte Sisto” di Maurizio Milazzo

Romanzo di delitto e castigo, di falsità e riscatto, Il conte di ponte Sisto narra delle doppiezze e dei tradimenti di cui sono vittime il giovane programmatore precario Fabio e l’anziano senza fissa dimora